ISTRUTTORI 1° LIVELLO DANZA ACROBATICA


 Dani Sabrina I

Innanzi tutto devo inizialmente precisare che sono venuta a conoscenza dell’esistenza della danza acrobatica dal video postato su youtube della rappresentazione del 2013 e da li ho voluto saperne di più dal momento che mi sembrava una cosa originale e soprattutto coinvolgente per i bambini. Ho così trovato il sito della GIDAS e non sapevo assolutamente cosa aspettarmi da questo corso, ma ero entusiasta dell’idea. Arrivata a Grosseto e affrontata la prima giornata di corso l’entusiasmo di imparare era aumentata. L’innovativo progetto mi ha davvero lasciata senza parole, un mix di danza e acrobatica che, al contrario di ciò che pensavo prima di affrontare la giornata con Paolo Bottinelli, risulta fluido, gli elementi dell’acrobatica si mischiano alla danza e in qualche modo riescono a nascondere il loro “meccanicismo”.

Essendo alle prime armi con l’insegnamento a Settembre proporrò i primi corsi di Danza Acrobatica all’interno di alcune palestre comunali e spero tanto di riuscire a trasmettere il mio entusiasmo anche ai piccoli allievi!

Come conclusione a questa breve opinione che ho avuto della danza acrobatica vorrei sottolineare il clima di grande familiarità che Jo e Marinella mi hanno saputo trasmettere. anche se ero nuova, fin dall’inizio mi sono sentita parte di un progetto comune! Perciò ringrazio di tutto cuore Jo e Marinella per l’esperienza bellissima e COSTRUTTIVA (anche se i dolori ai muscoli si fanno sentire tutt’ora!!!!) e soprattutto parto pronta e motivata per il nuovo percorso di formazione GIOCO DANZA che intraprenderò a partire da Ottobre! 


 De Angelis Dalia Dominique

Fin dall’inizio la danza acrobatica mi ha incuriosita molto e ho pensato che questa fusione di discipline così diverse tra loro avrebbe senz’altro funzionato; l’armoniosità, l’espressività e la leggerezza che contraddistinguono la danza abbinate alla forza e alla spettacolarità tipiche della ginnastica... un mix davvero straordinario!

In un mondo dove tutto è in continua evoluzione, dove quello che ieri era novità, oggi è superato e domani sarà già noioso, la commistione di stili e tecniche diverse diventa fondamentale per rimanere al passo con i tempi. In questo specifico caso la miscela di queste due discipline deve essere affrontata con coscienza e consapevolezza, rimanendo sempre fedeli ai propri principi e soprattutto all’arte della danza che non deve essere snaturata, ma arricchita di nuovi elementi. 

I pareri positivi delle mie colleghe che già avevano frequentato il corso e la forte volontà di offrire qualcosa di nuovo ai miei allievi, hanno fatto il resto per convincermi definitivamente ad iscrivermi.

Ho deciso quindi di partire alla volta di Grosseto per questa nuova esperienza pronta a cogliere ogni più piccola sfumatura e insegnamento che mi sarebbe stato dato.

Mai avrei pensato di arrivare a fare una capovolta senza mani o addirittura dentro al cerchio, quel poco che sapevo di capovolte, ruote e acrobazie l’avevo ormai completamente dimenticato.

Nonostante ciò Jo, con la sua esperienza, ha saputo guidarci tirando fuori il coraggio di lanciarci in imprese nuove, emozionanti e divertenti! Dopo aver provato direttamente sulla nostra pelle è giunto poi il momento di imparare ad assistere e insegnare e ciò è stato possibile anche grazie alle giovani allieve della OMAD che ci hanno accompagnato durante tutto il percorso; la loro presenza è stata fondamentale perché ha permesso di vedere applicati nella pratica gli insegnamenti ricevuti.

La domanda che più mi ponevo prima di iniziare era però come avremmo fatto ad amalgamare danza e acrobatica e grazie a Paolo è stato subito tutto più chiaro. Nessuna delle due discipline deve prevaricare l’altra, ma devono fondersi in un tutt’uno che permetterà a ciascuna di mostrare le proprie peculiarità e punti di forza.

Dopo il corso di danza acrobatica torno a casa con una nuova energia e una valigia decisamente piena di novità, che mi aiuteranno su più fronti.

L’associazione che ora dirigo potrà proporre una disciplina innovativa e non presente sul territorio dove opero, facendosi così conoscere sempre di più e ampliando ancora la propria offerta.

Le allieve, anch’esse sempre desiderose di novità, si troveranno a sfidare il loro coraggio e a divertirsi tra una funicella e un trampolino, tra una capovolta e una ruota, tra uno scaleo e una gara di velocità.

In nessuna disciplina che ho incontrato finora ho trovato una spinta al coraggio così forte; qui trovo che sia fondamentale da parte dell’insegnante portare i propri allievi a superare le proprie paure, incoraggiandoli e supportandoli passo dopo passo, gratificandoli ed evidenziando sempre il lato positivo. In una disciplina come questa, dove oltre alla difficoltà tecnica si abbina la capacità di “lanciarsi” credo che sia indispensabile spronare i propri allievi in modo corretto, positivo.

Oltre alla parte puramente acrobatica, che non conoscevo, ho apprezzato molto la parte di preparazione che la precede di cui necessita l’allievo per arrivare a compiere con abilità gli esercizi proposti. La forza da un lato e lo stretching dall’altro diventano irrinunciabili per raggiungere certi risultati; quello che mi piace infatti è che, quasi senza accorgersene, tra una gara e un gioco, l’allievo affronta esercizi duri e faticosi che gioveranno al suo corpo e gli permetteranno di salire sempre un gradino più su.

Come è emerso durante il corso, gli elementi di acrobatica permettono agli allievi di ottenere risultati evidenti in minor tempo (rispetto alla danza, in particolare classica) e questo fa sì che si appassionino più facilmente alla disciplina nonostante le sue fatiche e difficoltà. Questo tipo di percorso porta quindi gli allievi ad un lavoro costante, step by step, senza annoiarsi e di conseguenza senza abbandonare il cammino, come spesso purtroppo oggi accade. I bambini non sono più abituati ad ottenere un risultato con fatica e duro lavoro,  vogliono avere tutto e subito e questo porta ad avere poca costanza e poca passione. Oltre a volteggi e acrobazie di immediato impatto, l’acrobatica mi ha catturato perché presuppone un lavoro che vedo molto funzionale alla danza. Talvolta purtroppo per ragioni di tempo si da uno spazio marginale allo stretching e al rinforzo muscolare, necessari invece per la flessibilità corporea e per la potenza e forza dei movimenti. Il risultato è quindi molteplice, da un lato l’allievo si diverte con acrobazie e “giochi”, dall’altro l’insegnante ottiene maggiori miglioramenti dal punto di vista fisico-tecnico.

Un grazie quindi a Marinella per averci portato in questo nuovo mondo, a Jo che ci ha accompagnato passo dopo passo, a Paolo per la sua brillante lezione ricca di nuovi spunti, alle giovani allieve della scuola e a tutti gli insegnanti che si sono avventurati con me in questo percorso.  

 

 Di Benedetto Rossana

E’ sempre una corsa contro il tempo… in giro per l’Italia per aggiornamenti, corsi per cercare nuovi stimoli, nuove avventure da proporre ai tuoi bimbi e ai tuoi allievi più grandi.

Bene ed eccoci qua, quasi un anno dopo sono riuscita a prendermi  4 gg di ferie per poter partecipare al corso di acrobatica con Jo 

Come nel percorso con Marinella, nella prima lezione, torniamo ad essere piccine, delle bimbe alla loro prima esperienza con questa nuova ed affascinante disciplina “La Danza Acrobatica”.

Capovolte basse, con il tuffo, capovolte nei cerchi, verticali, ruote e trampolone.. questi sono solo alcuni elementi del programma fornitoci da Jo!!

Tutto molto interessante.. ma poi mi chiedo: “Sarò in grado di fare tutto quello che Jo mi ha insegnato?” Bene Jo la risposta me l’hai data tu il primo giorno di lezione attraverso le tue bimbe: “IO SONO CORAGGIOSA”.

Il coraggio non sta solo nel fare capovolte, verticali, lanciarsi dalla scala, ma sta anche nel proporre tutto ciò alle tue bimbe, prendendoti la responsabilità di quello che può succedere durante la lezione. Le tue piccole allieve credono in te.. hanno fiducia in te, la stessa che tu devi infondere in loro. E chi ci riuscirebbe meglio, se non una persona coraggiosa? Quindi da oggi farò mio il tuo motto!!

Da questo corso ho appreso molto e di sicuro il mio bagaglio si è arricchito notevolmente, ma come sempre nella vita, vorrei che tutte queste nuove avventure ed esperienze fossero solo un punto di partenza per qualcosa di sempre più grande ed importante… per non dimenticare che di imparare non si finisce mai!

La lezione più importante che mi porterò dietro da questo corso è quella della fiducia reciproca che ci deve tassativamente essere fra l’istruttore ed il suo allievo e sono certa che ciò non mancherà mai nella mia scuola.

Ora non vedo l’ora di mettere in pratica tutto quello che ho avuto modo di apprendere in questi giorni.

Da qui inizia davvero la mia sfida, perché, come è giusto che sia, noi insegnanti ci troveremo davanti bimbe da dover formare e purtroppo non tutti hanno la fortuna di avere una Martina ed una Sara tra le piccole allieve, ma questo non vuol dire che non lo possano diventare.

Ed ecco , dunque, il mio obiettivo: impegnarmi sempre e dare il massimo nel mio lavoro, per me stessa e per i miei allievi, e poi chissà… un giorno non lontano poterci incontrare nella mia scuola e farti vedere i progressi che io e Marco siamo riusciti a raggiungere con le nostre piccole stelline.

A presto Jo   
 

 Borgia Marco

Circa un anno fa la mia ragazza ha partecipato a un corso d’aggiornamento di giocodanza dove venivano proposti elementi di danza acrobatica.

Affascinata dalla fusione delle due discipline, danza + acrobatica, ha cercato sin da subito di coinvolgermi; inizialmente ero scettico data la mia totale negazione per la danza, poi però vedendo dei filmati in rete ho avuto modo di ricredermi, così abbiamo deciso di frequentare il corso di danza acrobatica presso la scuola di danza OMAD di Grosseto.

I primi giorni ho avuto modo di vedere personalmente cosa si è in grado di fare con la danza acrobatica… bimbe di  5 anni che non avevano paura del vuoto e che si lanciavano da una scala, che facevano verticali al muro, capovolte senza mani, ruote e chi ne ha più ne metta. E mi son detto, bhe se possono loro, perché non provare con le nostre bambine e chissà magari il prossimo anno saranno in grado anche loro di fare qualcosa di nuovo rispetto ad altre bimbe della loro età.

Ho trovato  le lezioni particolarmente interessanti: provare esercizi e le varie assistenze degli stessi penso sia un metodo molto efficace d’apprendimento. Per quanto riguarda la parte coreografica della disciplina ho trovato qualche difficoltà dato che provengo da un tipo d’esperienza completamente diversa essendo tecnico C.i.p., istruttore di calcio e ho tenuto corsi di motricità infantile. Ma pur considerando le mie carenze e la mia totale inesperienza nella danza, non mi sento da meno degli altri.. ed infatti penso di averlo fatto notare durante il mio esame.. Sono riuscito anche io a creare una coreografia!!! Era del tutto acrobatica ma è comunque un punto di inizio e ne vado fiero.

Nel complesso, quella all’Omad, penso sia stata un esperienza positiva e penso di  portare a casa un bel bagaglio culturale che vorrei poter mettere in atto al più presto con i bimbi della nostra scuola.


 Tognacca Leila

Dalla grande attesa ed emozione per il corso di formazione danza acrobatica alla conclusione e all'innamoramento più totale della disciplina.

Oltre che a mettermi in gioco e aver provato quel sentimento di adrenalina mista a paura,  emozione, esaltazione, felicità e tanto altro, jo mi ha fatto amare ancora di più la danza acrobatica perché' al corso ho capito che per i bambini è una lezione molto importante che li aiuta a sconfiggere le paure  e ad vere fiducia in se stessi e nei compagni, creando anche un unione tra di loro positiva basata sulla fiducia, la complicità, la passione.... bimbe/i di 5 anni che si mettono in relazione con ragazze di 10-15 anni, ognuna insegna all'altra qualcosa, si aiutano e con una competizione sana aumentavano la loro bravura, questo per me è la giusta dose per avere in sala una classe da portare avanti con dei risultati sicuramente fantastici.

Danza acrobatica è una miscela perfetta di movimenti d'espressione e di precisione del corpo legata alla tecnica di una acrobazia con la conclusione armoniosa ed elegante della danza, che porta, allo spettatore che guarda, tanta emozione rimanendo fino all'ultimo con il fiato sospeso e questo è per l'allievo e l'insegnante la miglior soddisfazione.

Che dire da questo corso mi aspettavo di divertirmi e provare le evoluzioni acrobatiche mettendo in gioco il mio corpo e soprattutto portandomi a casa un bagaglio di nozione per poter divenire un brava insegnante …. ma non pensavo di trovare un'energia e una sapienza da far sembrare anche le cose più difficili semplici, dando tanta sicurezza da far provare anche l'impensabile e questo è grazie a te Jones maestro eccezionale per le piccole e formatore grandioso per noi insegnanti.

Farò tesoro degli insegnamenti di Jo, e porterò a far conoscere questa disciplina affascinante che sento spopolerà.

Un altro maestro eccezionale, che mi ha dato tanta emozione provando una sua lezione, è stato Paolo, che oltre, alla sua sensibilità nell'insegnare, mi ha aperto un mondo stupendo dove far amare ancora di più la danza acrobatica ….il suo modo di insegnare è spettacolare, con fluidità ti porta al massimo il proprio corpo per poi poter anche legare un salto mortale o rondata, riprendendo poi quei movimenti fluidi e di grande effetto e precisione che solo ha la danza....senza parole.... grazie...

Questo corso mi ha fatto capire quanto è importante iniziare a mettere le basi subito, fin da piccini, nella danza e nell'acrobatica, nell'impostazione del nostro corpo, per poter far crescere esso in una serie di fattori benefici nel cammino di un percorso che ti porta a raggiungere livelli alti con quella leggerezza e fluidità che dona la danza, portando il corpo allo scioglimento più completo e al contorsionismo massimo, quell'eleganza unita all'agilità e alla grandezza che esso può fare elevandosi al cielo con un salto mortale a atterrando magari con un volteggio e una posa elegante questo …. non ha parole...

La Danza Acrobatica, oltre che dare le basi per iniziare un percorso d'insegnamento bellissimo, mi ha fatto capire quanto è importante poterlo inserire in tutte le varie discipline della danza, dal classico alla break, dall'eleganza all'esplosività, e questo apre tante strade all'acrobatica perché' può rendere tutto più emozionante dal punto di vista coreografico.

Un'altra cosa importante che mi aspetterò e di poter attirare la fascia maschile più difficile da prendere nella danza...e allora EVVIVA  L'ACROBATICA E L'UNIONE NELLA DANZA!!!!

 

CONTATTI